Un’arena che in questi due mesi è stata sempre colma di spettatori significa solo una cosa: che abbiamo centrato l’obiettivo”. Con queste parole l’assessore regionale al Bilancio e alla Programmazione unitaria, Raffaele Piemontese, commenta il successo di pubblico e critica della rassegna di spettacoli dal vivo che si è tenuta nei mesi scorsi all’interno dell’Anfiteatro di Lucera, sotto la direzione artistica dell’attore e regista Fabrizio Gifuni che con la città federiciana ha un feeling speciale.  

A chiudere il cartellone di ‘Estate, Muse e Stelle’, dopo Antonio Stornaiolo ed Emilio Solfrizzi, Gianmarco Saurino, Luca Zingaretti, Massimo Popolizio solo per citarne alcuni, è la stata la ResExtensa Dance Company che ha portato in scena ‘L’Acqua che tocchi. Leonardo: il labirinto magnifico’, un mix di danza e acrobazia per un momento di meraviglia in onore al grande visionario. “Uno show così poetico all’interno di uno dei più suggestivi anfiteatri del sud Italia”, aggiunge Piemontese che spiega: “Non ho mai avuto dubbi sulla scelta di riaprire al pubblico questo gioiello di epoca romana, più antico del Colosseo, sostenendo, così, il più grande evento popolare dell’estate 2020 in Capitanata. La Regione Puglia ha investito 65 mila euro in questa manifestazione per soddisfare quella gran la sete di cultura della provincia di Foggia”

L’investimento ha valorizzato una delle più preziose testimonianze del patrimonio storico e archeologico della Puglia consentendo al pubblico di apprezzare una lunga serie di eventi di arte, cultura, teatro, musica e danza.  “Un grazie alla rete di istituzioni ed enti foggiani che hanno sostenuto la promozione della rinascita di questo monumento, dal Comune di Lucera al Teatro Pubblico Pugliese, da Puglia Promozione alla Soprintendenza Archeologica e anche il Conservatorio di Musica Umberto Giordano e l’Accademia di Belle Arti di Foggia. Un’arena che in questi due mesi è stata sempre colma di spettatori significa solo una cosa: che abbiamo centrato l’obiettivo”, conclude Piemontese.  

Categorie: News

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *